Lo schizzo quotato

Lo schizzo quotato è un disegno a matita realizzato su carta bianca a mano libera, ossia senza ausilio di altri strumenti. La realizzazione di uno schizzo quotato può rispondere ad uno scopo didattico al fine di sviluppare l’attitudine al ragionamento e acuire lo spirito di osservazione, in modo da imparare a risolvere problemi tipici per la realizzazione di un disegno tecnico in quanto uno schizzo quotato deve poter garantire i seguenti criteri di massima, ovvero:

a) in merito all’informazione grafica deve garantire una chiara ed esatta impostazione delle viste

b) in merito all’informazione tecnologica la quotatura deve garantire la completezza dell’esposizione di tutte le dimensioni dell’oggetto e deve essere chiara

c) le proporzioni tra le varie parti dell’oggetto per quanto non millimetricamente precise, devono garantire la rappresentazione dell’oggetto in maniera naturale

La realizzazione di uno schizzo quotato segue infatti i principali criteri per la realizzazione di una tavola tecnica in quanto richiede l’applicazione di norme che definiscono:

a) i criteri per la scelta e la disposizione e il numero delle varie viste in funzione della necessità di rappresentare in maniera completa l’oggetto

b) il formato dei fogli in funzione della necessità di rappresentare l’oggetto in coerenza alla sua dimensione reale

c) l’utilizzo del tipo di linee in funzione della necessità di fornire una corretta informazione grafica dell’oggetto (spigoli vivi, spigoli nascosti, assi di simmetria, ect.)

d) la realizzazione di eventuali sezioni intere o strappo in funzione della necessitò di dover rappresentare spigoli nascosti e/o parti cave

e) la realizzazione della quotatura in funzione della necessità di fornire una corretta informazione gestionale dell’oggetto

f) l’indicazione di tolleranze e rugosità generali in funzione della necessità di fornire una corretta informazione gestionale dell’oggetto

Tuttavia, proprio in virtù della specifica natura dello schizzo quotato vi sono differenze sempre previste dalla norma rispetto alla realizzazione di una tavola tecnica, ovvero:

a) NON è previsto l’ausilio di strumenti di disegno in quanto deve essere eseguito a mano libera

b) NON è prevista l’indicazione della scala dimensionale in quanto un disegno a mano libera il rispetto dei rapporti di scala non sarebbero garantiti

c) NON è prevista la squadratura del foglio in quanto in un disegno a mano libera linearità e parallelismo della tracciatura delle linee non sarebbero garantiti

d) NON è prevista la presenza del riquadro delle iscrizioni e quindi anche della distinta dei componenti

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *