La Polis greca

Nell’VIII sec. a. C., dopo il “medioevo ellenico” la Grecia ebbe un periodo di grande sviluppo, sia demografico che economico, durante il quale si verificarono:

  • La nascita della nuova città greca, una città-stato detta polis
  • La fondazione di colonie sul Mediterraneo e sul Mar Nero

Le città erano organizzate in modo autonomo, parlavano tutti la stessa lingua, avevano una cultura comune e la stessa religione, ma leggi, usi e costumi diversi.

Ogni città-stato era divisa in due parti: l’acropoli (la città alta, dove sorgeva la cittadella fortificata per contrastare le invasioni e gli edifici di governo e religiosi); sotto troviamo la città bassa e al centro l’agorà (dove c’erano le botteghe degli artigiani e dove i mercanti vendevano le merci)

Il movimento di colonizzazione prende avvio nel 750 a. C. con lo spostamento di gruppi di cittadini verso la Sicilia, la Francia meridionale e sul Mar Nero. Questo spostamento fu dovuto al notevole incremento demografico della Grecia, in cui le città non disponevano più di sufficienti possibilità di sussistenza per tutta la gente che fu costretta a cercare altrove la propria sopravvivenza.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *