Con tutta l’anima e il corpo recensione

con tutta l'anima e il corpo recensione

Il testo, Con tutta l’anima e il corpo,  scritto da Agata Tecla Paternò, è un lungo racconto introspettivo. I protagonisti, Nella e Sebastiano, riferiscono, un capitolo ciascuno, i tormenti, le gioie, i disagi, i dubbi, i sensi di colpa, i desideri, le voglie, la routine, di un rapporto di coppia, peggiorato nell’intimità dagli anni trascorsi e dalla quotidianità familiare. I due ci raccontano, anzi si raccontano e ci fanno essere spettatori, uno spaccato di vita, quella emotiva, piena di spigoli da smussare; spigoli simili a quelli di ognuno di noi. Ogni uomo, ogni donna è, è stato o potrà essere Nella o Sebastiano, stereotipi della fragilità umana. Insicuri, insoddisfatti, accomodanti, accondiscendenti, irriverenti verso sé stessi e gli altri. Matrimonio e tradimento si muovono lungo le pagine di questa storia. Matrimonio diventato caustico, stretto come un paio di jeans di una taglia più piccola; tradimento ossigenante, un maglione troppo largo per essere indossato a lungo senza sentirsi scomodi. I cliché di una storia d’amore, di tante storie d’amore, di una vita, di tante vite, sono buttati all’interno di queste pagine con ironica consapevolezza. Vita matrimoniale, vita extraconiugale, vita familiare, vita sessuale sono qui esposte dal punto di vista interiore. Ed è proprio leggendo dentro loro stessi che capiranno come agire.

Se vuoi acquistarlo clicca qui: Con tutta l’anima e il corpo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *